Enter your keyword

Aspra e dolce: una terra di contrasti

Aspra e dolce: una terra di contrasti

Quasi di fronte ai vigneti di Corte Sant’Alda, sul versante opposto della valle, i vigneti di Adalia si stagliano a mezza costa tra le due piccole incisioni del Vaio del Molinetto e del Vaio Calesan manifestando esplicitamente la loro duplice natura.

Rocce simili tra loro per la comune composizione calcarea ma diverse per struttura interna si sono trovate, per gli eventi geologici che hanno modellato la vallata, a coesistere sullo stesso versante, affiancate l’una all’altra, manifestando due diverse forme dei versanti e suoli a loro volta diversi.

Arrivando ad Adalia da nord lungo una stretta stradina dentro al bosco, si incontrano dapprima un lungo versante che degrada dolcemente verso valle, il cui substrato roccioso è formato da rocce a grana media e grossolana disposte lungo un piano dolcemente inclinato, con suoli profondi e freschi, privi o quasi di limitazioni alla coltura della vite.
Proseguendo per alcune decine di metri un piccolo rio segna il confine con un ripido versante dalle forme ondulate e fittamente terrazzato per poter essere coltivato: la sua roccia a grana fine, estremamente erodibile ha formato questa superficie convessa caratterizzata da suoli magri e poveri e tuttavia proprio per questo favorevoli alla produzione di uve e vini di qualità.


Tratto dal libro Around the Soil
Richiedilo scrivendo a: info@camerani.wine